Escursione al Rifugio Nino Pernici: trekking e natura in Val di Ledro

rifugio nino pernici ledro

Tra i rifugi della Val di Ledro non potete perdere il Rifugio Nino Pernici, a Bocca di Trat. Uno splendido panorama su Val di Ledro, lago di Garda e Alpi Ledrensi. Venite a conoscerlo insieme a noi!

Rifugio Pernici: natura e storia in Val di Ledro

Il Rifugio Nino Pernici a Bocca di Trat si trova nelle Alpi Ledrensi, a cavallo tra la Val di Ledro e il lago di Garda. A 1600 metri di quota, offre cucina tipica e servizio bar ed ha 30 posti letto. Vi consigliamo di visitarlo da maggio a ottobre ma potrebbe essere aperto anche oltre questo periodo: contattate il rifugio per conoscere le condizioni meteorologiche e l’eventuale apertura. È meta di percorsi trekking  o escursioni in mountain bike ma anche punto di partenza per scoprire le cime che lo circondano.

Si può raggiungere attraverso vari percorsi: vediamoli insieme!

Come arrivare: da Pieve di Ledro a Lenzumo

Per arrivare al Rifugio Pernici si può partire da Pieve di Ledro o da Lenzumo, piccola frazione di Bezzecca nella Val Concei  a solo 4 km da Pieve di Ledro, facilmente raggiungibile attraverso la SP119. Una volta a Lenzumo si seguono le indicazioni per il rifugio.

I sentieri verso il Rifugio Pernici

Da Lenzumo al Rifugio Pernici (percorso breve)

Da Lenzumo in poco tempo si arriva ad un parcheggio, a poche centinaia di metri da Malga Trat (1504 m.). Superando la malga si procede su strada forestale fino a Bocca di Trat, da dove parte il sentiero SAT 413 per il Rifugio Pernici. Il percorso è lungo 2,5 km per un dislivello di 126 metri (circa 30 minuti). È un percorso adatto a tutti, adatto anche al passeggino.

Volete fare un’esperienza speciale? A Malga Trat è possibile vivere un giorno da casaro, con Albe in malga in Val di Ledro.

Al Rifugio Pernici da Pieve di Ledro

Da Pieve di Ledro parte un percorso panoramico ad anello fino al Rifugio Pernici. È un percorso di 7 km con dislivello di 390 metri (circa 3,5 ore). Dal paese si sale prendendo il sentiero 454 verso Malga Saval. Da Bocca Saval (1704 m.) si segue il sentiero SAT 413 fino al rifugio, dove vi consigliamo una sosta. Poi si scende sulla strada fino a Malga Trat per poi proseguire sul sentiero SAT 403. Si percorre la strada forestale fino ad una via sulla destra che scende nella strada forestale sottostante che porta alla località Locca. Da qui si rientra per Pieve di Ledro.

È un bell’itinerario panoramico. Per chi vuole aggiungere un po’ di dislivello, da Malga Saval si può raggiungere Cima Parì (1991 m.) che offre una vista favolosa su ben tre laghi: Garda, Ledro e Molveno.

Lenzumo – Val Sorda – Rifugio Pernici

Da Lenzumo si raggiungono le piste da sci di fondo in località Chinaec, facilmente accessibili in auto attraverso la Val Concei. Qui si prosegue a piedi lungo il sentiero SAT 402 che sale ripido nel bosco attraverso la Val Sorda, incrocia una strada sterrata e si prosegue seguendo i segnavia SAT, per poi riprendere la strada verso Malga Doss de Fiori.

Lenzumo – Val da Vai – Rifugio Pernici

Da Lenzumo si arriva al Rifugio Pernici attraverso una strada asfaltata per qualche centinaio di metri, dopo alcuni fienili si prosegue a sinistra per lasciare l’auto e seguire il sentiero SAT 403 fino a Malga Trat (vedi percorso breve). Il ritorno può avvenire sempre sul sentiero SAT 403 oppure su SAT 402 attraverso la Val Sorda (vedi sopra). È un itinerario nel bosco con 800 metri di dislivello.

Mezzolago – Dromaè – Rifugio Pernici

A Mezzolago si attraversa il paese in auto salendo fino ad un divieto. Qui si parcheggia e si inizia a salire verso Malga Dromaè e l’omonima Bocca in Val Concei, dove è possibile ammirare la fioritura in primavera. Da qui il sentiero si spiana fino a raggiungere il rifugio. L’ultimo tratto è molto panoramico.

Il panorama dal Rifugio Pernici

Da Bocca di Trat si può ammirare uno splendido panorama sulla Valle di Ledro: paesi, lago e montagne  circondano il Rifugio Pernici. Allargando lo sguardo, inoltre, si può ammirare il lago di Garda, il lago di Tenno e le Alpi Ledrensi.

Nelle memorie della Grande Guerra

Un’escursione al Rifugio Pernici è l’ideale per amanti della natura e della storia della Grande Guerra. Nelle vicinanze del rifugio, infatti, si trovano la caverna di Riccadonna, capitano dei Kaiserjaeger (soldati austro-ungarici) e trincee della Prima Guerra Mondiale.

Insomma, il Rifugio Pernici è una tappa imperdibile delle cose da fare in Val di Ledro, in vacanza. Vi abbiamo incuriosito? Non vi resta che preparare lo zaino, indossare le scarpe da trekking e via, partire verso il Rifugio Pernici per immergervi nella natura!

Photo credits: vallediledro.com

Blog

Alla lista